Indennità Integrativa di Malattia

Durante l’assenza dal lavoro per malattia l’Impresa, entro i limiti di conservazione del posto (270 gg. di malattia, anche non continuativa, nell’arco di 20 mesi), è tenuta ad erogare mensilmente in busta  all’operaio non in prova il relativo trattamento economico calcolato in base a quanto disposto dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.
I primi tre giorni di malattia non vengono retribuiti se la durata dell’evento è inferiore a 7 giorni. Vengono retribuiti dall’Impresa al 54,95% se l’evento supera complessivamente 6 gg. ed al 104,95% se l’evento supera 12 gg.
L’Impresa assolve inoltre l’obbligo di accantonamento dell’importo computato sul periodo di malattia stesso relativo a Gratifica Natalizia e Ferie in forma mutualistica, mediante versamento alla Cassa Edile di un apposito contributo. La Cassa Edile provvede poi a calcolare ed accantonare direttamente, sulla base dei dati forniti dall’Impresa, l’importo G.N.F. computato sul periodo di malattia. Tale importo, soggetto a ritenuta Irpef secondo l’aliquota minima prevista dalle normative vigenti (Decreto Legislativo 02/09/1997 n. 314), viene quindi erogato congiuntamente al relativo assegno G.N.F. di ferragosto o natale.

N.B. Per i primi tre giorni non retribuiti dall’Impresa negli eventi di malattia inferiori a 8 giorni, la Cassa Edile di Asti accantona direttamente a favore dell’operaio la percentuale del 4,95 per riposi annui.

 

Indennità Integrativa di Infortunio e Malattia Professionale

Durante l’assenza dal lavoro, entro i limiti di conservazione del posto (270 gg. di malattia, anche non continuativa, nell’arco di 12 mesi) nel caso di malattia professionale, e fino a guarigione nel caso di infortunio sul lavoro, l’Impresa è tenuta ad erogare mensilmente all’operaio non in prova il relativo trattamento economico calcolato in base a quanto disposto dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.
Durante l’assenza dal lavoro per infortunio o malattia professionale la Cassa Edile provvede a calcolare ed accantonare direttamente, a seguito versamento in forma mutualistica dell’apposito contributo da parte dell’Impresa e  sulla base dei dati da essa forniti, una parte dell’importo computato sul periodo stesso di infortunio o malattia professionale, relativo all’accantonamento di Gratifica Natalizia e Ferie.
Tale parte dell’importo, erogata dalla Cassa Edile nel relativo assegno G.N.F. di ferragosto o natale ed assoggettata a ritenuta Irpef secondo l’aliquota minima prevista dalle normative vigenti (Decreto Legislativo 02/09/1997 n. 314), corrisponde alla differenza tra l’intera maggiorazione G.N.F. e la quota di essa direttamente erogata all’operaio dall’INAIL.

 

Periodo di carenza dell''Assicurazione Inail

L’Impresa corrisponde al lavoratore infortunato l’intera retribuzione per la giornata in cui è avvenuto l’infortunio.
Per i giorni successivi e fino a quando sussista la carenza dell’assicurazione, cioè per i primi tre giorni di assenza dal lavoro (periodo di Carenza), la Cassa Edile della Provincia di Asti corrisponde direttamente agli operai infortunati l’importo (pari al 60% della retribuzione) dovuto dal datore di lavoro per i primi tre giorni successivi a quello dell’infortunio.
E’ inoltre compito della Cassa Edile provvedere a calcolare ed accantonare l’importo di G.N.F. relativo al suddetto periodo di Carenza.
Le erogazioni di importi a titolo di Carenza dell’Assicurazione INAIL e di accantonamento G.N.F. sulle giornate di Carenza infortunio sono soggette a ritenuta Irpef secondo l’aliquota minima prevista dalle normative vigenti, in base al Decreto Legislativo 02/09/1997 n. 314.

N.B. Per le giornate di Carenza dell’Assicurazione INAIL, la Cassa Edile di Asti accantona direttamente a favore dell’operaio la percentuale del 4,95 per riposi annui.

Rimborso da parte della Cassa Edile

Il trattamento economico integrativo di malattia, infortunio e malattia professionale corrisposto mensilmente dall’Impresa agli operai viene rimborsato all’Impresa stessa dalla Cassa Edile della Provincia di Asti nei tempi più brevi possibili relativamente al momento del ricevimento della modulistica prescritta.
Il rimborso spetta per l’intero trattamento economico corrisposto all’operaio, se nel trimestre solare scaduto prima dell''evento risultino denunciate per l’operaio interessato almeno 450 ore computate come da normativa vigente. Nel caso in cui le ore così computate risultino inferiori al numero indicato, il rimborso della Cassa Edile è proporzionalmente ridotto e la riduzione stessa è a scapito dell’Impresa. Il predetto rimborso può essere ottenuto dall'' Impresa tramite assegno bancario oppure, previa compilazione dell'' apposito modulo, tramite bonifico bancario.

PANORAMICA

In attesa di un aggiornamento del MUT Nazionale, si comunica ad Imprese e Consulenti che il profilo MUT del mese di marzo 2020 verrà pubblicato i prossimi giorni (presumibilmente l 8/04/2020) A fronte dell’emergenza sanitaria in atto  COVID - 1...
1 APRILE 2020 A fronte dell’emergenza sanitaria in atto  COVID - 19 e sulla base di quanto disposto dalle  parti sociali dell’edilizia con l’Accordo  del 23 marzo 2020, si provvederà, per gli operai aventi diritto *, al versamento  antic...
Alla luce delle disposizioni contrattuali contenute nel Verbale di accordo siglato dalle partisociali dell’artigianato il 30 gennaio 2020 si invia, di seguito, la tabella predisposta daCNCE e approvata dalle parti sociali competenti, in occasione d...
In data 24 marzo 2020 le parti sociali dell’edilizia, costituenti il sistema  bilaterale edile, hanno siglato l’allegato “Protocollo condiviso di  regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della  diffusione del virus C...
Accordo per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro per l’artigianato del settore edile sottoscritto, nella giornata del 30 gennaio 2020, dalle Associazioni delle imprese edili artigiane e dalle Organizzazione sindacali del settore, così c...
Di seguito il testo dell’accordo siglato dalle parti sociali nazionalidell’edilizia in data odierna, che alla luce dell’emergenza COVID-19 e delle disposizionigovernative da ultimo emanate per fronteggiare i rischi di contagio, contiene misuree...
Si comunica che il Durc, di cui al DM 30 gennaio 2015, rientratra le attestazioni di cui all’art. 103 del DL n. 18/2020, c.d. Cura Italia, che prevede, al co. 2, che“tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abi...
Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato in data 19Marzo 2020 l’allegato PROTOCOLLO CONDIVISO DI REGOLAMENTAZIONE PER ILCONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DEL COVID – 19 NEI CANTIERI EDILI.Il Protocollo è frutto della condivisi...
Entro la fine del mese di marzo 2020 (salvo proroghe) saranno spedite le Certificazioni Uniche ( CU 2020 ) contenenti i dati relativi ai redditi percepiti tramite la Cassa Edile di Asti nell\'anno 2019, che dovranno essere inseriti nella prossima dich...
 Circolare_Mal_Inf_Industria_2003_01.pdf Tabella_Mal_Inf_Industria_2003_01.pdf Circolare_Mal_Inf_Industria_2003_09_12.pdf  Tabella_Mal_Inf_Industria_2003_09_11.pdf Tabella_Mal_Inf_Industria_2003_12.pdf Circolare_Mal_Inf_Industria_2004_04_IVC.p...

EDILI NEWS

VISITATORI

Oggi 223

Ieri 254

Questa settimana 1027

Questo mese 2169

Totale 104257

Kubik-Rubik Joomla! Extensions

© 2020 CASSA EDILE DI ASTI
Via Marchese Luigi Borsarelli di Rifreddo, 19 - ASTI
Codice Fiscale 80002800052

Privacy

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.